Home page

Presentazione

Decalogo per l'alimentazione del bambino

Alimenti

Produttori alimentari

Ricette classiche marchigiane

Ricetta della settimana

Vini e Vitigni

Cantina marchigiana

Eno-Glossario

Frutta e verdura di stagione

Feste e sagre nelle Marche

Bibliografia

Zibaldone di poesie e altro

IPSSAR e Scuole Professionali Alberghiere

Domande all'esperto


Home

SANGIOVESE DEI COLLI PESARESI

Vini e vitigni delle marche

RIFERIMENTI STORICO GEOGRAFICI

La denominazione del sangiovese dei Colli Pesaresi è stata sostituita, nel 1995, da "Colli Pesaresi. Un vino che ha cambiato nome, aggiornandosi e scindendosi in due vini diversi: "Il Colli Pesaresi" rosso, erede diretto del Sangiovese", e il "Colli Pesaresi" bianco, un vino che rimane nel solco di una tradizione antica. Ha un'anima infatti nota e conosciuta da tempo, localmente chiamata Albanella, una base che poi prende origine dal Trebbiano Toscano, padri di tanti famosi vini. Nel disciplinare sono previste anche due sottozone che producono altri due vini: il "Colli Pesaresi" Focara Rosso ed il "Colli Pesaresi"Roncaglia Bianco. A questi si aggiunge il "Colli Pesaresi" Novello. Il Colli Pesaresi rosso viene prodotto nel territorio più settentrionale della regione esclusa la fascia appeninica e il Montefeltro. Si tratta di una zona abbastanza ampia che va da Gabicce, passando per Sassocorvaro, Urbino, Cagli, Pergola e Mondolfo. Il "Colli Pesaresi" bianco comprende invece una zona decisamente meno estesa, che va da Gabicce ad Urbino (parte), per discendere a Mombaroccio e Pesaro (parte), escluso il fondovalle del fiume Foglia. Territori ricchi di storia, tradizioni e di memorie dal passato legate a vicende di casate famose: dagli Sforza ai Malatesta, ai Della Rovere.

ABBINAMENTO CON I CIBI

Il profumo, la vivace sapidità e la detergenza del "Rosso", quando è giovane, consigliano abbinamenti a primi piatti con salse ricche di componenti e secondi piatti a base di di carne e di animali di bassa corte. Qui la tavola offre gustosissime e preziose preparazioni al tartufo bianco di Acqualagna e Sant'Angelo in vado e connubi esaltanti con questo vino. E' il vino che può esaltare l'incontro con il gusto particolare ed unico del "Formaggio di Fossa", appena dissepolto dal tufo e dalla paglia, umido e fragrante, il giorno di Santa Caterina (fine novembre) a Talamello. Il "Bianco" offre gustosi abbinamenti con pesce e con carni bianche. Può essere usato fresco, anche come aperitivo.

VITIGNI

Per il vino "Colli Pesaresi" rosso il contributo dei singoli vitigni è il seguente: Sangiovese (minimo 85%), gli altri vitigni raccomandati o autorizzati possono concorrere fino ad un massimo del 15%. Per il vino "Colli Pesaresi" bianco possono concorrere: il "Trebbiano Toscano, localmente chiamato Albanella, per un minimo dell'85%, gli altri vitigni raccomandati o autorizzati possono concorrere fino ad un massimo del 15%. Sono previste inoltre le seguenti due "sottozone" di produzione : "Colli Pesaresi " Focara rosso e "Colli Pesaresi" Roncaglia bianco, oltre alla dizione "Colli Pesaresi" Novello.

CARATTERI ORGANOLETTICI

ASPETTO:Bianco: Giallo paglierino.Rosso:Rosso granato non troppo carico.
PROFUMO: Bianco: Gradevole,delicatamente profumato. Rosso:Delicato, caratteristico. 
GUSTO: Bianco: Asciutto, sapido,armonico. Rosso: Asciutto,armonico, con fondo leggermente amarognolo.
GRADAZIONE ALCOLICA: Bianco totale minima 11.5° C. Rosso totale minimo 11.5 per mille
ACIDITA' TOTALE: Sia bianco che rosso minimo 5 per mille per mille
ESTRATTO SECCO: Bianco: netto minimo 16 per mille. Rosso: netto minimo 18 per mille.

ETA' OTTIMALE

Il "rosso" è pronto e tende alla maturazione entro il primo anno. Zone particolarmente vocatew e vendemmie favorevoli consentono la produzione di vini più strutturati che bene reggono tempi di maturazione più ampi (2-3 anni). Il "bianco" va bevuto giovane.

CALICE E SERVIZIO

Sia il "rosso" che il "bianco" necessitano di un calice di media ampiezza, rastremato al bordo per convogliare i profumi primari ad una temperatura fra i 14° e i 16° C. Intorno al terzo anno di maturazione, per il "rosso", è richiesto un calice sferoidale affinchè raccolga e concentri le sottili emanazioni eteree. Va offerto a 18° C e più a seconda del piatto e della stagione.

realizzazione