Home page

Presentazione

Decalogo per l'alimentazione del bambino

Alimenti

Produttori alimentari

Ricette classiche marchigiane

Ricetta della settimana

Vini e Vitigni

Cantina marchigiana

Eno-Glossario

Frutta e verdura di stagione

Feste e sagre nelle Marche

Bibliografia

Zibaldone di poesie e altro

IPSSAR e Scuole Professionali Alberghiere

Domande all'esperto


Home

SFORZA GALEAZZO MARIA
 (Duca di Milano, condottiero; Fermo 24/01/1444 - Milano 21/12/1473)

Mariagaleazzosforza.JPG (205743 byte)

Figlio di Francesco Sforza e di Bianca Maria Visconti nacque a Fermo e fu quinto Duca di Milano dal 1466 al 1476. 
Am˛ in maniera morbosa il fasto e la magnificenza e si circond˛ di favorite. 
Fu munifico protettore degli artisti, tra i suoi meriti quello di chiamare Bramante in Lombardia  dove esercito l'architettura. Amante della musica fond˛ a Milano una cappella musicale con numerosi cantori. 
Affid˛ il suo primogenito a Francesco Filelfo sostenendo la stampa al suo primo apparire facendo giungere a Milano, da Venezia, Panfilo Castaldi. Scoppiata la guerra in Francia, fu mandato dal pare a sostenere Luigi XI e qui dimostr˛ tutto il suo valore di condottiero. 
Attiratosi l'odio di molti, di ritorno da una spedizione militare contro il Duca di Borgogna il giorno di Santo Stefano, fu colpito a morte da 3 sicari che si prefiggevano lo scopo di incitare alla rivolta il popolo per instaurare un regime di libertÓ. La realtÓ fu che a Galeazzo Maria Sforza succedette suo figlio Gian Galeazzo che, nonostante tutto, mantenne il regime paterno.

Scaloppe di Storione con corona di gamberi

CHEF DI CUCINA: F.G. per Marchenet
REALIZZAZIONE: Scaloppe di storione con corona di gamberi 
Numero delle porzioni: 8

METODO DI LAVORAZIONE

INGREDIENTI

U.M.

Q.ta
Storione(o palombo) (fette N░8 da 2 cm)

Farina

Olio d'oliva extravergine

Gamberi di fiume (lavati e puliti)

Burro

Vino bianco

Dragoncello

Sale

Pepe

Patate

Tartufo nero

Burro

Kg


gr

gr


N░

gr

dl


Qb

Qb


Qb

gr

gr

gr

1,6


100

120


24

80

1,5


Qb

Qb


Qb

500

100

80

1 - Tagliare a metÓ i gamberi di fiume;

2 - Mettere a cuocere i gambi nella teglia con l'olio caldo, quando saranno rossi scolarli e tenerli caldi su di un piatto;

3 - Salare ed infarinare lo storione e cuocerlo nel fondo dei gamberi, girare le fette una sola volta, coprire con un foglio di carta da forno, scolare e tenere in caldo;

4 - Nel fondo di cottura versare il vino; una volta evaporato e fuori dal fuoco aggiungere il dragoncello;

5 - Versare la salsina in un casseruolino, aggiungere il burro e portare il tutto a giusta consistenza a fuoco dolcissimo;

6 - Formare un piatto di portata con le fette di storione al centro di una corona di gamberi di fiume ricoperti con la salsina  di cottura.

Contorno:
Patate lessate saltate al burro con tartufo nero

Marchenet

Utensili:
Teglia + coperchio,
Paletta,
Forbici per pesce,
Carta da forno,
Vassoi N░3,
Casseruolino,
Frusta
Accorgimenti:
Variazioni possibili:
Grado di difficoltÓ:

realizzazione