Home page

Presentazione

Decalogo per l'alimentazione del bambino

Alimenti

Produttori alimentari

Ricette classiche marchigiane

Ricetta della settimana

Vini e Vitigni

Cantina marchigiana

Eno-Glossario

Frutta e verdura di stagione

Feste e sagre nelle Marche

Bibliografia

Zibaldone di poesie e altro

IPSSAR e Scuole Professionali Alberghiere

Domande all'esperto


Home

Giovan Battista Pergolesi
(compositore; Jesi (AN) 03/01/1710 - Pozzuoli (NA) 16/03/1736)


Figlio di Francesco Andrea Draghi, studiò inizialmente a Jesi grazie ad alcuni nobili del posto e si trasferì poi a Napoli nel Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo. Deriva il suo nome, Pergolesi, dal padre che trasferitosi a Jesi da Pergola, unì i due nomi. 
Minato da sempre nella salute dalla tisi, ebbe vita travagliata e brevissima. 
Terminò gli studi nel 1731, l'esordio lo stesso anno fu con la "Salustia", opera seria in tre atti, che però non riscosse successo. 
L'anno seguente invece con l'opera buffa in napoletano "Lo frate 'nnamorato" riscuote un notevole successo, nel 1733 compose l'opera seria "Il prigionier superbo" che ebbe un buon successo soprattutto per l'intermezzo "La serva padrona" che divenne uno dei più applauditi lavori del settecento. 
Nel 1734 scrisse con successo "Adriano in Siria" con intermezzo "Livietta e Tracollo", nel 1735 invece musicò con scarso successo "L'olimpiade" che però venne ripresa trionfalmente dal pubblico dopo la morte dell'autore. 
La sua ultima opera fu il "Flaminio" nel 1735, ma nel frattempo, divenuto organista della cappella reale di Napoli, ma ritiratosi nel convento dei francescani a Pozzuoli, poté terminare lo "Stabat mater" morendo pochi giorni dopo questa realizzazione. 
La sua fama è legata soprattutto alla "Serva padrona" che in tutta Europa ma soprattutto in Francia scatenò la famosa "Querelle des boffons" tra i sostenitori dell'opera francese ed i filoitaliani. 
Con essa l'intermezzo si elevò a opera buffa autonoma e costituì un modello per gli anni a venire. 
Tra le composizioni sacre oltre alla "Stabat mater" ricordiamo il "Salve Regina".

 

Coratella d'agnello con cipolla
Ricetta d'uso comune dei cordai jesini che vivevano a pochi passi dalla casa natale del famoso compositore

CHEF DI CUCINA: F.G. per Marchenet
REALIZZAZIONE: Coratella d'agnello con cipolla
Numero delle porzioni: 4

METODO DI LAVORAZIONE

INGREDIENTI

U.M.

Q.ta
Budella d'agnello (pulita facendo scorrere acqua all'interno del budellino)

Interiora:
Cuore,
Fegato,
Polmone,
Trachea (ben pulita all'interno con acqua),
Animelle

Cipolla novella (tagliata ad anelli)

Olio d'oliva extravergine

Sale 

Pepe

gr

 

tot.Kg

 




gr

gr

Qb

Qb

600

 

1,2

 




800

100

Qb

Qb

 

1 - Pulire e lavare bene la coratella;

2 - Tagliare a cubetti di cm 2 le interiora;

3 - Intrecciare a mo' di corda le budella d'agnello e tagliare ogni 5 cm di lunghezza;

4 - Sbianchire le interiora in acqua salata (5  minuti) e le budelline (30 secondi); scolare ed asciugare bene;

5 - Dare una prima cottura alla coratella in padella senza grassi;

6 - Togliere la carne e cuocere nello stesso recipiente la cipolla a 3/4 di cottura, togliere e tenere in caldo;

7 - Soffriggere in olio la coratella, salare, pepare e portare a fine cottura dorandola bene in ogni lato;

8 - Finire di cuocere con la cipolla e servire caldissima con il sugo di cottura.

Marchenet

Utensili:
Tagliere,
Coltello,
Pentola,
Torcione,
Scolapasta,
Padella in ferro,
Paletta,
Cucchiaio di legno,
Vassoio
Accorgimenti:
Variazioni possibili:
Aggiungere alcune gocce d'aceto o limone verso la fine cottura
Grado di difficoltà:
(se si acquista la carne già pronta e pulita dal macellaio)

realizzazione