Home page

Presentazione

Decalogo per l'alimentazione del bambino

Alimenti

Produttori alimentari

Ricette classiche marchigiane

Ricetta della settimana

Vini e Vitigni

Cantina marchigiana

Eno-Glossario

Frutta e verdura di stagione

Feste e sagre nelle Marche

Bibliografia

Zibaldone di poesie e altro

IPSSAR e Scuole Professionali Alberghiere

Domande all'esperto


Home

Federico II di Svevia

(imperatore, Jesi 26/12/1194 - Castel di Fiorentino in Puglia 13/12/1250)

fedricoIIseduto.JPG (480938 byte)


Figlio di Enrico VI di Hohenstaufen e di Costanza d'Altavilla, a tre anni rimase orfano di padre, facendo si che il Regno di Sicilia venne affidato a Costanza d'Altavilla fino alla sua morte nel 1198 nello stesso anno in cui divenne Papa Innocenzo III che, pur essendo tutore di Federico II, tentò di contrastarlo a suo favore. 
Dopo 8 anni di contrasti tra papato e impero il Papa riuscì a farsi consegnare Federico II che a soli 14 anni, proclamatosi maggiorenne, sposò Costanza d'Aragona e  a seguito di una tempesta politica che portò alla scomunica di Ottone IV di Baviere, fu fatto Re di Sicilia prima e imperatore dopo la sconfitta di Ottone da parte di Filippo Augusto di Francia. 
A 20 anni, liberato della tutela del Papa morto nel 1216, era re di Germania, Sicilia e Puglia e poté muoversi politicamente  a sua libera interpretazione creandosi in breve tempo una vasta cultura linguistica e classica. 
Riordinò subito il Regno di Sicilia a lui prediletto, elesse suo figlio Enrico Re dei Romani, nel 1220 si fece incoronare ufficialmente imperatore a San Pietro. 
Con la morte di Onorio III gli succedette Gregorio IX con il quale si scontrò a causa della crociata alla quale partecipò  nel 1227 ma dalla quale ritornò anzitempo a causa di un'epidemia, per la quale venne scomunicato e perseguitato dal Papa che temeva la sua crescente popolarità e potenza. Per questo Federico II ripartì per Gerusalemme conquistandola pacificamente. 
Approfittando della sua partenza il Papa conquistò i suoi possedimenti in Sicilia e Puglia ma al suo rientro fu costretto a restituirgli tutto e a firmare, nel 1230,  la pace in favore dell'imperatore. Più tardi la guerra tra i due si riaprì più aspra di prima. Durante la guerra riuscì ad accresce la sua fama di sovrano illuminato.
Venne scomunicato nuovamente da Gregorio IX al quale succedette Innocenzo IV che ribadì la scomunica e bandì una crociata contro di lui da parte di tutti i popoli cristiani. Dopo incredibili lotte nel 1250 Federico II morì. 
La sua figura rimane una delle più importanti della storia e di lui si ricorda il merito di aver riunito le culture di tre civiltà quali quella normanna, araba e greco-latina. 
Rese Palermo la culla della intellettuale d'Italia, fondò la famosa scuola poetica siciliana di ispirazione provenzale, fondò l'università di Napoli e incrementò la scuola medica salernitana. 
Favorì gli studi scientifici e fu anche scrittore.

Questa ricetta è il simbolo dell'unione gastronomica dei popoli del nord con quelli del bacino del Mediterraneo, che da almeno 1000 anni, in particolari cerimonie, usano cibarsi insieme di riso cotto nel latte e insaporito con mandorle.
Un'unione simbolica tra nord e sud Europa, tanto ricercata ed agognata dal nostro imperatore Federico II

 

Riso al latte e mandorle

CHEF DI CUCINA: F.G. per Marchenet
REALIZZAZIONE: Riso al latte e mandorle
Numero delle porzioni, 4

METODO DI LAVORAZIONE

INGREDIENTI

U.M.

Q.ta

Latte

Riso 
(già cotto 12 minuti in acqua e poco sale)

Zucchero (o miele)

Burro

Mandorle 
(scottate e pelate)

 

l

gr.

 

gr.

gr.

gr.

1

200

 

60

25

50

1 - Cuocere il riso, piuttosto al dente, nell'acqua leggermente salata;

2 - Scottare le mandorle in abbondante acqua poco salata, scolare e togliere la buccia; cuocere per 10 minuti nel latte tiepido;

3 - Scolare le mandorle e aggiungere lo zucchero nel latte tiepido sciogliendolo bene;

4 - Tritare le mandorle cotte;

5 - Finire di cuocere a bassa temperatura il riso con il latte addolcito, avendo l'accortezza, 3 minuti prima, di aggiungere il trito di mandorle al composto;

6 - Imburrare uno stampo ad anello (gola) in acciaio, cospargere con poco zucchero e riempire con il riso cotto e scolato;

7 - Premere leggermente per uniformare il composto e far raffreddare per almeno 4 ore in frigorifero;

8 - Servire rovesciando su di un piatto da portata.

Marchenet

Utensili:
Secchiello,
Casseruola,
Pentolino,
Cucchiaio di legno,
Scolapasta,
Stampo ad anello,
Spatola,
Cucchiaio,
Mestolo.
Salse:  Presentazione:
Possibile decorare con visciole o ciliege cotte nel vino rosso o ciliegine o petali di rosa canditi versati all'interno del cerchio di riso con una leggera salsina di cottura delle ciliege
Grado di difficoltà:

 

realizzazione