Home page

Presentazione

Decalogo per l'alimentazione del bambino

Alimenti

Produttori alimentari

Ricette classiche marchigiane

Ricetta della settimana

Vini e Vitigni

Cantina marchigiana

Eno-Glossario

Frutta e verdura di stagione

Feste e sagre nelle Marche

Bibliografia

Zibaldone di poesie e altro

IPSSAR e Scuole Professionali Alberghiere

Domande all'esperto


Home

Brancaleone Brancaleoni
 (Condottiero, Castel Durante,oggi Urbania, verso il 1295 - Castel Durante 1379)

brancaleonerit.JPG (131135 byte)


Il Brancaleoni è il personaggio di maggior spicco di tutta la casata Brancaleone. Figlio di Monaldo, fratello di Antonio, abate di San Cristofaro e di Francesco, vescovo di Camerino, combatté contro  Federico da Montefeltro meritandosi gli elogi di Papa Giovanni XXIII militò come capitano di guerra a favore di Siena nel 1339. 
Era signore di Castel Durante, Sant'Angelo in Vado, Sassocorvaro, Lunano, Monte d'Elici, Peglio, Castel della Pieve ed altri castelli e terre nelle terre comprese tra il Foglia e il Metauro. 
Fu alleato di Firenze e Perugia nelle guerre tra  la lega dei Guelfi e i Ghibellini marchigiani sostenuti dai vescovi di Milano. Dopo un primo momento di crisi la lotta si risolse a favore dei Guelfi grazie all'intervento del cardinale spagnolo Albornoz che nel 1359 lo nominò vicario di Orvieto. 
Nel 1366 con l'assedio da parte del cardinale di Castel Durante e Sant'Angelo in Vado i rapporti tra i due si interruppero e Brancaleone fu preso prigioniero e portato a Bologna e solo nel 1375 poté ritornare nella sua Castel Durante dove riguadagnò le sue benevolenze e nel 1376 venne nominato rettore pontificio della Massa Trabaria.

 

Costolette di cinghialino

CHEF DI CUCINA: F.G. per Marchenet
REALIZZAZIONE: Costolette di cinghialino
Numero delle porzioni: 4

METODO DI LAVORAZIONE

INGREDIENTI

U.M.

Q.ta
Costolette 
(cinghialino o capriolo giovane)

Acquavite

Olio d'oliva extravergine

Burro

Sale

Pepe

Aceto

Pane raffermo (tagliato in maniera geometrica a piacere)

Spezie:
Chiodi di garofano
Cannella
Coriandolo


cl

dl

gr

Qb

Qb

cl

gr

 

Qb
Qb
Qb

12


5

2

50

Qb

Qb

1/2

200

 

Qb
Qb
Qb

1 - Pulire le costolette, appiattirle leggermente e metterle in un vassoio concavo condite con sale e pepe al mulinello ed un pizzico di spezie e cospargere con olio;

2 - Tenere in marinata 1 ora rivoltandole ogni tanto;

3 - Preparare i crostini di pane dorandoli con il burro in padella;

4 - Cuocere le costolette in padella con olio; appena pronte sgocciolatele e mettetele in un bel vassoio da portata alternandole con le fette di pane;

5 - Deglassare il fondo di cottura con l'acquavite e pochissimo aceto ( se ne avete 1 dl di brodo o fondo di carne) e un fiocco di burro;

6 - Versare la salsina, con l'ausilio del passino, sulla preparazione e servire subito caldissimo

Come contorno:
 - Funghi allo spiedo
 - Purea di funghi
 - Purea di lenticchie

Marchenet

Utensili:
Tagliere,
Coltello,
Batticarne,
Vassoi N°2,
Padella (ferro) N°2,
Tegame o padella,
Paletta,
Cucchiaio,
Passino.
Accorgimenti:
Variazioni possibili:
Grado di difficoltà:

realizzazione